Consulente Finanziario cosa essere tu?

“Ma tu, che cosa sei?” Chiedeva il brucaliffo ad Alice, nel famoso e storico film d'animazione "Alice nel paese delle meraviglie", vedendola per la prima volta.

Beh...come nel cartone, anche a molti di voi, vi sarà sicuramente capitato di aver sentito parlare e/o incontrato questa figura "mitologica" del consulente finanziario!?

In questo nuovo articolo provo a rendervi più chiaro cos'è e cosa fa il "buon" Consulente Finanziario.

L’albo dei consulenti finanziari, l’organismo di vigilanza e tenuta dell'albo unico dei consulenti finanziari   – in breve “OCF” – definisce la figura del consulente finanziario abilitato all'offerta fuori sede, come l’unico operatore dell’industria del risparmio abilitato alla promozione e al collocamento di prodotti finanziari e servizi d’investimento in luogo diverso dalla sede e dalle dipendenze del soggetto abilitato per cui opera (banche, SIM, SGR) previa iscrizione all'albo unico nazionale tenuto da OCF che ne verifica i requisiti professionali  e di onorabilità e la loro permanenza nel tempo.

Parafrasando tutto ciò, chi è il Consulente Finanziario: 

  • È l’unico operatore del settore autorizzato ad incontrare i risparmiatori e a offrire strumenti finanziari e servizi di investimento al di fuori della sede di una Banca. È iscritto ad un Albo e deve rispettare un severo codice deontologico. La formazione del consulente finanziario prende il suo avvio con la preparazione all'esame obbligatorio per poter esercitare la professione. E’ questo un test molto impegnativo e selettivo per la grande responsabilità della professione, che comporta la gestione dei patrimoni dei clienti, e c’è quindi bisogno di affidarsi a seri professionisti preparati e adeguatamente istruiti.
  • È un consulente preparato, costantemente aggiornato grazie a numerose ore di formazione annue obbligatorie; ed ecco perché deve studiare molto, allargare le proprie conoscenze, non deve mai mollare di fronte alle enormi difficoltà che si trova sulla sua strada, e deve avere sempre presente che l’informazione e la formazione sono fondamentali per poter consigliare al cliente le decisioni migliori da prendere.
  • Essendo un’attività imprenditoriale il consulente finanziario è padrone del proprio futuro professionale. Dedica la sua attività concentrandosi sull'incontrare i clienti, valutare le loro situazioni patrimoniali e pianificare con loro come raggiungere gli obiettivi che si pongono.
  • È un interlocutore leale, la cui remunerazione è totalmente neutrale rispetto ai prodotti che vi propone. Offre consulenza al cliente, con consigli imparziali predisponendoli prodotti personalizzati ed unici.

E’ importante ricordare che il consulente finanziario si occupa "esclusivamente", di gestire il patrimonio dei clienti, passando dalle esigenze bancarie a quelle finanziarie, da quelle assicurative a quelle previdenziali che riguardano molte attività della vita quotidiana di ognuno di noi; e per fare questo bisogna essere capaci di sapere cogliere i reali bisogni ed esigenze, anche i meno evidenti, delle singole persone.

Un buon consulente finanziario deve sempre ricordare che la missione più importante, è l’essere consapevole di poter essere utile ai propri clienti, perché soprattutto oggi ciò lo distingue e lo differenzia dal sistema bancario tradizionale, permettendogli di essere sempre presente e trasparente sull'andamento dei portafogli che vengono gestiti. Essere attento alle esigenze del cliente vuol dire diventare il suo punto di riferimento per quanto riguarda la gestione del patrimonio, diventare una persona di fiducia, sulla quale il cliente può sempre contare. 

Il consulente finanziario rimarrà per sempre lo stesso e l'unico interlocutore, accompagnando il cliente in tutte le fasi della propria vita: "il custode delle sue emozioni".

La miglior sintesi di quanto appena descritto: il vostro miglior investimento!